Anno: 1977br>
Località: Grosseto, Località Grancia

Oggetto: Ristrutturazione e arredo locali adibiti a civile abitazione

Committente: Privato

Collaboratori: Riccardo Boccacci


Al limite del parco dell’Uccellina e della Maremma più incontaminata, le colline a uliveto che circondano Grosseto sono diventate da qualche anno la residenza abituale di molti cittadini in cerca di un rifugio nel verde. Tra campi di carciofo, orti rusticani, polli ruspanti e cavalli da tiro, una giovane donna che lavora, vive sola ma ha tanti amici, ha scoperto un piccolo rustico a ridosso di un ulivo secolare. L’architetto Giuseppe Chigiotti, grossetano con “un piede” in Firenze e nella sua università, ha trasformato questo spazio esiguo e poco qualificato in una casa di belle proporzioni, distribuita su tre livelli e caratterizzata da un uso sereno e quasi classico dei volumi, dei materiali, del colore. Al livello più basso sono sistemati il pranzo, una piccola zona-studio e la “scatola” della cucina, in parte rivestita con pareti a specchio; al livello intermedio è ricavato il soggiorno, dominato dalla struttura del camino; al livello superiore, la zona-letto e il bagno. La scala cromatica della casa va dal bianco delle pareti al caldo avorio del travertino, al rosso pompeiano delle superfici trattate in stucco a cera, al mattone dei pavimenti, dei cache-pots e degli oggetti; il nero di alcune sottolineature introduce un elemento grafico che si ritrova in certi riquadri di travertino del pavimento. La presenza di materiali così impegnativi ha portato a una riduzione all’essenziale dell’arredo: divani di linea “squadrata”, un letto importante, qualche sedia e poltrona quasi aeree, come segni appena tracciati nello spazio. “Una casa dove mi sento benissimo – dice la proprietaria -, dove posso essere sola e tranquilla in mezzo alla campagna semplice che amo e poche ore dopo in compagnia di tantissimi amici, perché c’è spazio per tutti,per stare insieme nel modo più simpatico e informale”.
Testo tratto da:

CASA VOGUE 1978 N. 87 Pagg. 182 - 185
Bibliografia:
CASA VOGUE 1978 N. 87
Sulle colline di Grosseto. Spazi scanditi da colori antichi con una classica serenità. (Pagg. 182 - 185)
(Autore: Maria Vittoria Carloni; Fotografo: Maria Rosa Ballo)