Anno: 2005

Località: Grosseto, Via Castiglionese

Oggetto: Progetto per il restyling della facciata e per la realizzazione degli spazi espositivi.

Committente: Privato

Collaboratore: Ing. Francesco Giusti

L’oggetto del nostro progetto è la realizzazione di due pensiline e di una struttura autoportante che si sovrappone a una parte delle facciate di un edificio destinato ad attività commerciale, sito in Via Castiglionese a Grosseto.

L’intento del progetto è quello di rendere visibile attraverso una figuratività particolare l’edificio, che per anonimato non è ben individuabile da chi passa in auto sulla Via Castiglionese. Questa nuova immagine del capannone sarà resa possibile attraverso la realizzazione di una schermatura verticale ondulata in lamelle di legno, sorretta da pilastri dello stesso materiale,che fascerà una parte dell’edificio rimanendo staccata dallo stesso, definendo inoltre in pianta una porzione di piazzale coperto da una pensilina in lamelle di metallo.

L’intervento sarà connotato dall’apposizione dell’insegna recante il marchio dell’azienda, posta sulla parte sommitale delle fasce in legno.

L’insieme delle due tettoie, della schermatura, dei montanti di sostegno e di quant’altro necessario all’opera nel suo insieme non modifica la volumetria esistente, comportando solamente un aumento della superficie coperta per un totale di mq1403,50.

La necessità di rendere maggiormente visibile l’edificio dalla strada principale richiede la realizzazione di una struttura che possa dare un segnale forte a chi proviene da entrambe le direzioni. L'idea è quella di applicare, in supporto alla tettoia, una schermatura in trasparenza dell’intera facciata principale.

La schermatura è costituita da lamelle di legno disposte su quattro fasce verticali preassemblate in pannelli da 1,45 metri di lunghezza per 1,32 metri di altezza, sulle facciate sulla Via Castiglionese e sul piazzale laterale fino al primo montante della nuova pensilina, in corrispondenza dell’area di carico-scarico delle merci, e su altre tre fasce allineate in altezza di 1,45 metri per 1,64 metri sul lato di Via Quarzo. Le fasce sono comprese tra un’altezza minima di 3,16 metri ed una massima di 8,80 metri, entrambe misurate dal piano del piazzale. L’essenza scelta per i pannelli è ancora il Larice, che ossidandosi prende un colore simile a quello del capannone esistente in cemento, mentre la struttura metallica di sostegno sarà realizzata in acciaio zincato.

La struttura è sostenuta da una serie di montanti in acciaio zincato di altezza ed in numero tale da sostenere anche le tettoie: la prima è costituita da tre elementi distinti, rispetto ai due previsti precedentemente, di forma rettangolare e posti alle quote di 3,10 , 3,90 e 4,50 metri circa da terra, realizzata interamente in legno lamellare con orditura a travi, travicelli, tavolato, coibentazione ed impermeabilizzazione, pannelli di copertura metallica opportunamente inclinati per il deflusso delle acque piovane, mantenendo in ogni suo punto una distanza dalla strada maggiore di quella minima di 3,00 metri prevista dal REC; la seconda mantiene la forma prevista rettangolare in pianta, per 31,00 metri di lunghezza e con 4,15 metri di aggetto, ed è disposta a circa 4,00 metri da terra, poco al di sopra dell’ingresso sul lato del piazzale; anche questa è prevista in legno ed opportunamente impermeabilizzata per garantire un ulteriore spazio espositivo dei prodotti e per agevolare le operazioni di carico-scarico delle merci.

Sulla sommità della schermatura, in corrispondenza della fascia più alta e ben visibile da entrambe le direzioni di marcia sulla Via Castiglionese, verrà fissata la nuova insegna luminosa di colore verde, il colore della Società, in sostituzione di quella attualmente esistente sul cornicione della facciata.

Testo tratto da:

Relazione tecnica per il progetto di due pensiline e schermatura delle facciate.