Anno: 2011

Località: Magliano in Toscana (GR), Cupi - Loc. Scalabrelli

Oggetto: Progetto di ampliamento casa rurale

Committente: Privato

Collaboratrice: Arch. Luana Barbato


L'intervento è relativo al progetto di ristrutturazione edilizia con ampliamento ai sensi della LRT 24/2009 e ss.mm.ii, di un fabbricato a destinazione residenziale e della demolizione e ricostruzione di un annesso di pertinenza, sito in Loc. Scalabrelli – Montiano, nel Comune di Magliano in Toscana. Il fabbricato, un ex podere Ente Maremma, già soggetto a modifiche e ampliamenti nel corso degli anni, è attualmente costituito da un'abitazione singola su due piani, con la zona giorno al piano terra e la zona notte al piano superiore, collegati con scala interna. Il fronte principale è caratterizzato dalla presenza di un portico con struttura in legno e terrazza corrispondente al piano primo. All'interno del lotto è presente un'area piscina, con proprio vano tecnico interrato, e un annesso ad uso forno/locale ripostiglio.
ABITAZIONE PRINCIPALE: Realizzazione di AMPLIAMENTO ai sensi della LRT 24/2009 e ss.mm.ii, con realizzazione di nuova porzione in aderenza alla struttura principale, secondo le dimensioni previste dalla normativa. La nuova porzione avrà una struttura a pianta rettangolare, con una prima parte più prossima alla casa leggermente ridotta in profondità, con copertura a doppia falda asimmetrica. La porzione sul retro, verso la piscina, si arricchirà di un pergolato che proseguirà la copertura principale con la sola parte in legno, così da mantenere nel prospetto e nell'impatto visivo l'idea di un edificio compatto e più basso, senza perdere soprattutto nel prospetto laterale, quella simmetria tipica delle costruzioni rurali. L'ampliamento verrà in parte intonacato, al fine di mantenere la continuità visiva con il fabbricato principale, utilizzandone la stessa colorazione, ed in parte verrà rivestito con pietra locale, allo scopo di evidenziare che trattasi comunque di una nuova costruzione che vuol trovare una sua identità contemporanea, pur rispondendo ai requisiti richiesti dalle normative. Per la stessa motivazione è stato scelto di concentrare le aperture vetrate solo su alcune parti del prospetto, lasciando piene le altre, per rafforzare, ma nello stesso tempo modernizzare, il concetto di prevalenza pieni sui vuoti nel complesso prospettico. Gli infissi saranno in legno o in materiale che ne ricalca la finitura, mentre le persiane saranno esterne con tipologia a frangisole orientabile. Per la realizzazione dell'ampliamento al piano terra, l'abitazione principale vedrà alcune modifiche sostanziali, tra cui la demolizione dell'unico bagno presente, che verrà spostato nella parte nuova, collegandolo con l'esterno, così da poter essere utilizzato anche venendo dalla piscina. Un secondo bagno, molto più ampio, sarà presente nell'ampliamento, la cui destinazione principale sarà di camera con annesso piccolo spazio soggiorno/studio. Per la costruzione dell'ampliamento sarà necessario spostare il vano tecnico della piscina, che verrà reinterrato in una porzione del giardino più prossima alla fossa imhoff esistente. Oltre all'ampliamento, per il fabbricato principale si prevede la demolizione dell'attuale porticato, con la ricostruzione dello stesso, prolungandolo però sul lato corto del prospetto fino a coprire l'ingresso in cucina (l'aumento di superficie è possibile a seguito dell'ampliamento del fabbricato principale). Il nuovo porticato, a differenza di quello esistente, verrà realizzato con sistema alla fornaciara (tegole appoggiate su struttura in legno, senza getto in calcestruzzo), allo scopo di alleggerire il fabbricato principale, in questi anni soggetto alle tensioni derivate dal peso del portico attuale, al momento in pericolo di crollo. Al piano primo non verrà dunque ricostruita la terrazza, ma verranno ampliate le aperture delle camere, al fine di dare maggior luce alle stesse (i rapporti minimi di areoilluminaizone erano già rispettati con le aperture originali). Gli infissi saranno in legno o materiale che ne ricalca la finitura, così come le persiane. Il parapetto sarà in metallo dalla linea semplice, per non appesantire il disegno del prospetto con elementi che altrimenti parrebbero estranei.
ANNESSO: Demolizione e ricostruzione dello stesso, mantenendo la volumetria esistente. Il nuovo annesso avrà una pianta rettangolare con destinazione accessoria, (una delle due porzioni è dimensionata per poter eventualmente accogliere una macchina in caso di necessità. Verrà inoltre recuperato, nello stesso volume, lo spazio per la realizzazione del forno in muratura, la cui bocca verrà posta su uno dei prospetti laterali. Sullo stesso prospetto verrà realizzato un piano barbecue con unico elemento caratteristico la canna fumaria rivestita in pietra locale. La copertura sarà a falda unica, mentre la colorazione dell'intonaco esterno sarà la medesima del fabbricato principale. Le porte d'ingresso, una per il locale dietro al forno e l'altra per l'ingresso al vano garage saranno in metallo, dalla colorazione marrone (effetto ruggine), a richiamare le porte di accesso degli annessi agricoli di più ampie dimensioni.